ALMAVIVA: SLC E CDLM NAPOLI, ACCORDO ULTIMO ATTO VICENDA CONTROVERSA E DRAMMATICA

"L'accordo sottoscritto dalle RSU Almaviva di Napoli non può essere valutato come un atto a se stante, ma come l'ultimo di una vicenda controversa e drammatica nella quale troppi attori hanno avuto un ruolo non sempre chiaro: in primo luogo, un governo incerto nella gestione della vicenda e soprattutto tardivo nel regolare le condizioni di mercato di un settore come quello dei call center e un azienda arroccata nelle sue eccessive rigidità e con strategie industriali da chiarire". E' quanto si legge in una nota congiunta diffusa da Slc Napoli e Camera del lavoro metropolitana di Napoli. "In questo difficile contesto, anche per il sindacato - prosegue la nota - si sono evidenziate difficoltà nel tenere insieme i lavoratori delle diverse unità produttive coinvolte. I soli soggetti esenti da responsabilità sono i lavoratori e le RSU, sia di Napoli che di Roma, sulle quali si sono scaricate responsabilità enormi gestite con il supporto determinante delle rispettive strutture territoriali della SLC CGIL".
"Per quel che ci riguarda - precisa il documento - non possiamo quindi esimerci dall'esprimere una valutazione di questo accordo che, nei percorsi e nel merito, sia coerente con tale complessità e tenga conto del difficile contesto economico e sociale di Napoli e del Mezzogiorno. Nei percorsi questo accordo matura nell'ambito delle condizioni definite dall'intesa del 22 dicembre scorso che ha disegnato uno spiraglio quasi obbligato nella ricerca delle soluzioni; se nell'intesa odierna vi sono limiti, è da quel difficile contesto che si deve partire per una loro corretta valutazione. Al contempo, per questa stessa ragione, le soluzioni poste oggi nell'accordo per il sito di Napoli, sono uniche e non ripetibili ed estendibili in altre intese del comparto. In queste difficilissime condizioni, con il sostegno del Comune di Napoli e della Regione Campania, le RSU hanno fatto tutto quanto possibile per definire soluzioni certamente complesse ma sempre tentando di limitare al massimo gli effetti di riduzione delle condizioni salariali e normative dei lavoratori e, soprattutto, indicando una prospettiva di tenuta dell'occupazione per i lavoratori coinvolti".
"Per queste ragioni - conclude la nota - anche ora, come a dicembre, sosteniamo le RSU, rimettendoci come sempre al giudizio finale dei lavoratori coinvolti che si esprimeranno con il referendum. Quale che ne sia l'esito, saremo al loro fianco".

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento