Basta violenza al Rione Sanità!

Si è sparato di nuovo al Rione Sanità. Stamattina, prima delle otto, tra i bambini che andavano a scuola. È purtroppo soltanto l’ultimo atto della lunga spirale di violenza che si sta consumando nel quartiere. La risposta che arriva dalle istituzioni continua a essere debole e poco incisiva. È necessario che si riunisca quanto prima possibile il comitato per l’ordine e la sicurezza. Così come vanno riattivate subito le telecamere di video sorveglianza, per cui devono essere garantite risorse ordinarie per la manutenzione. Nel quartiere oltre il cinquanta per cento degli impianti esistenti sono fuori funzione: forse, se fossero stati funzionanti, adesso avremmo i volti di chi stamattina ha sparato.Al tempo stesso bisogna dare risposte sociali alle fasce più deboli della popolazione: dare lavoro in particolare ai giovani, garantire spazi per il tempo libero e strutture al servizio di giovani e anziani, aprire le scuole al pomeriggio. Ma soprattutto chiediamo che si faccia presto: questo quartiere non può più aspettare. La politica e le istituzioni sono chiamate a dare subito risposte serie e incisive per interrompere questa spirale di violenza.

Lega Spi Sanità 
Cgil Napoli Centro

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento