RIDERS: CARTA DIRITTI PRIMO IMPORTANTE PASSO IN AVANTI SU TUTELE

"La Carta che presentiamo oggi è un primo, importante passo in avanti sul fronte dei diritti dei riders. Un lavoro che ha impegnato l'amministrazione comunale e il sindacato con le sue strutture di categoria - come Nidil Napoli, Filt Cgil Napoli e Campania, Filcams Campania e Napoli - che in questi mesi hanno dialogato con i lavoratori, scoprendo che dietro di essi esistevano sfruttamento e deprivazione dei diritti". Lo ha detto Cinzia Massa, della segreteria Cgil di Napoli, a margine della presentazione della "Carta dei Diritti Fondamentali dei Riders e dei Lavoratori della Gig Economy". "Con questo accordo - ha sottolineato Cinzia Massa - lanciamo un segnale preciso, di carattere culturale e sociale: i diritti e le tutele dei lavoratori non possono mai essere messi in discussione.
Un accordo importante sui temi della gig economy, un primo passo che vuole contribuire a promuovere una nuova cultura del digitale a Napoli, estendendo gli standard di tutela dei lavoratori non solo al food delivery ma anche a un mondo ancora disarticolato e inesplorato".
"Da tempo - ha ricordato il segretario generale della Cgil di Napoli, Walter Schiavella - siamo in prima linea per costruire per i riders un futuro di dignità, tutela, diritti, tutela e sicurezza. Con la campagna 'No easy riders', promossa dalla Cgil e approdata a Napoli nel mese di luglio dello scorso anno, siamo scesi in strada per essere accanto ai lavoratori del food delivery. Il sindacato è da mesi in campo con proposte legislative e contrattuali". "In Italia - ha concluso Schiavella - sono una trentina le piattaforme online che si occupano di food delivery, sul territorio napoletano sono una decina le aziende che si occupano di consegna a domicilio di cibo e altri generi. Più della metà di tutto il comparto è gestita dalle quattro società più grandi (Just Eat, Uber Eats, Deliveroo, Glovo), per un totale che oscilla intorno ai 1000/1500 lavoratori ad alto ricambio, le aziende sono per lo più gruppi multinazionali che solo in rarissimi casi hanno sede legale nel nostro Paese".

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento