WHIRLPOOL: CGIL CISL UIL NAPOLI, SCELTA AZIENDA IRRESPONSABILE E GRAVE

"La decisione della Whirpool di confermare la chiusura dello stabilimento di Napoli per il 31 ottobre è una scelta irresponsabile e grave, che colpisce i lavoratori e la città nel pieno di una nuova crisi pandemica, mentre larghi settori produttivi non si sono ancora ripresi dalle chiusure dei mesi scorsi". E' quanto affermano i segretari generali di Cgil Cisl Uil Napoli, Walter Schiavella, Gianpiero Tipaldi e Giovanni Sgambati.
"A nulla sono valse - sottolineano Schiavella, Tipaldi e Sgambati - le richieste espresse al tavolo da tutte le istituzioni, né i provvedimenti studiati per fornire all'azienda gli strumenti economici per sostenere la loro fase di difficoltà. Possiamo solo pensare a questo punto che quelle della Whirlpool fossero decisioni già assunte al momento della presentazione del piano industriale, mentendo alle organizzazioni sindacali e alle istituzioni".
"Per questo motivo - concludono i segretari di Cgil Cisl Uil Napoli - confermiamo, come avevamo preannunciato nei giorni scorsi, che il prossimo 5 novembre la città tutta sciopererà per la difesa del sito di via Argine e già da subito saremo al fianco dei lavoratori, anche al presidio previsto domani presso la Prefettura.
Chiediamo al governo e in particolare al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, una risposta immediata e determinata all'atteggiamento oltraggioso dell'azienda nei confronti non solo della nostra città ma di tutto il paese".

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento